No. 296  17-23 ottobre 2007

Prima pagina
















Numero visitatori
dal 16 augosto 2001
968718


27 visitatori online

Archivio Gazzettino

Gazzettino No. 333
(16-22 luglio 2008)


Gazzettino No. 331
(9-15 luglio 2008)


Gazzettino No. 330
(2-8 luglio 2008)


Gazzettino No. 329
(25 giugno - 1 luglio 2008)


Archivio generale  


 Indietro   Stampa immagine  


Decebal Traian Remes, accusato di corruzione, si dimette

    La scorsa settimana, il ministro dell’Agricoltura romeno, il liberale Decebal Traian Remes, si è dimesso su richiesta del premier Calin Popescu Tariceanu, sempre del PNL, perché sospettato di avere intascato una tangente. Un filmato diffuso dalla TV pubblica lo ha messo sotto accusa e ha spinto il premier Calin Popescu Tariceanu a sostituirlo con il sottosegretario Dacian Ciolos. I magistrati hanno già chiesto l’autorizzazione per indagare su Traian Decebal Remes, una richiesta avanzata recentemente per altri due ministri del Governo Tariceanu. La sera prima la TV pubblica romena aveva diffuso le registrazioni di telefonate e immagini riprese da una telecamera nascosta che mostravano Remes mentre riceveva una busta da Ioan Avram Muresan, l’ex ministro dell’agricoltura dal 1996 al 2000, arrestato nel fine settimana con l’accusa di concussione e rilasciato poco dopo.

Secondo i magistrati della Procura Anticorruzione, la busta conteneva 15.000 euro, offerti a Remes tramite Muresan dall’imprenditore romeno Gheorghe Ciorba per ottenere in cambio favori e facilitazioni per la sua società nelle gare degli appalti pubblici. Nelle immagini trasmesse dalla TVR si vede Remes seduto ad un tavolo di un bar nel centro di Bucarest che riceve una plico da Muresan. L’ex ministro nel video dice al suo predecessore che sarebbe stato meglio se il plico fosse stato consegnato a casa sua. Stando ai procuratori, Remes avrebbe ricevuto anche altre regalie come insaccati e grappa ed era in attesa anche di un’auto di lusso.

Remes tace, Muresan smentisce

Per ora, Remes rifiuta di rilasciare dichiarazioni alla stampa, mentre Muresan, che nega l’autenticità delle registrazioni, sostiene che la busta conteneva documenti totalmente legali. Non è ancora chiaro come le immagini siano arrivate alla TV. Secondo la Procura Generale, i magistrati dell’anticorruzione erano a conoscenza della probabile consegna della tangente, e che quindi si sarebbero adoperati per prendere i due in flagrante. I procuratori dal canto loro si sono limitati ad assicurare di avere ceduto il filmato alla televisione pubblica. Secondo l’agenzia Mediafax, il senatore socialdemocratico Adrian Paunescu, presidente della Commissione cultura del Senato romeno, ha criticato la diffusione delle immagini e annunciato che il Consiglio di amministrazione della TVR sarà invitato la prossima settimana in Parlamento per spiegazioni. Su tutte le TV del paese si è aperto un dibattito su quanto fosse eticamente corretto diffondere il filmato da parte dell’emittente pubblica.

Basescu nomina il nuovo ministro

Il presidente romeno Traian Basescu il giorno successivo ha firmato il decreto sulla nomina del nuovo ministro dell’Agricoltura, il tecnico Dacian Ciolos, 37 anni, proposto dal premier liberale Calin Popescu Tariceanu come successore di Decebal Traian Remes, dimessosi ieri, dopo le accuse di aver intascato tangenti per 15.000 di euro. Basescu aveva chiesto il giorno precedente al premier di scegliere quanto prima un nuovo ministro dal momento che la Commissione Europea ha concesso un mese di tempo alla Romania per migliorare la gestione dei fondi europei per l’agricoltura. Dacian Ciolos si è laureato in Agraria presso l’Università di Cluj nel 1994 ed è iscritto ad un dottorato in economia dello sviluppo agricolo, agroalimentare e rurale presso l’Ecole Nationale Superieure Agronomique di Montpellier. Lavora al Ministero dell’Agricoltura dal 2005, ed è stato segretario dell’ex ministro Gheorghe Flutur. In passato ha lavorato in varie organizzazioni in Francia e presso la Commissione Europea. Tra il 2002-2003 ha lavorato presso la Delegazione della Commissione Europea in Romania in problemi collegati all’agricoltura e allo sviluppo rurale.

Polemiche sulla diffusione delle immagini

In molti si sono interrogati sulla liceità della diffusione delle immagini riprese con la camera nascosta, in cui Remes riceve una bustarella, per tramite di Ioan Avram Muresan (ex ministro dell’Agricoltura nel 1996-2000), da parte dall’imprenditore Gheorghe Ciorba, in cambio di favori per la sua società. Il presidente Basescu ha smentito le voci secondo cui sarebbe stato lui a dare le registrazioni alla TV pubblica, sottolineando che dalla Presidenza non sono mai usciti i fascicoli dei ministri indagati per corruzione. Il Partito Sociale Democratico (PSD) e i democratici chiedono le dimissioni del governo, mentre la direttrice del Telegiornale della TV di stato, Rodica Culcer, come molti altri giornalisti e commentatori, difende la diffusione delle immagini, ritenute di interesse pubblico. Culcer ha rifiutato di rivelare chi ha inviato il filmato alla TV. Il Consiglio Nazionale degli Audiovisivi non ha riscontrato nessuna irregolarità e ha ricordato che i giornalisti hanno il diritto di proteggere le proprie fonti. Il presidente della TVR Alexandru Sassu, appoggiato dal PSD, invece ha criticato l’iniziativa del TG e ha bloccato la diffusione della seconda puntata del dossier ‘Tangenti per Remes”, in cui, a quanto pare, Muresan e Ciorba sono filmati mentre scaricano salsicce e grappa da regalare a Remes. Le immagini comunque sono già finite su Internet. La TV e il Consiglio Superiore della Magistratura avvieranno un’indagine per accertare da dove provengano tutti i filmati diffusi.

Daniele Pantaleoni


 Home   In alto   Stampa immagine  


 Pubblicità    Abbonamenti    Chi siamo  

Redazione: Timisoara, Romania
Tel./Fax +40(0)256-493012, +40(0)256-282556
E-mail: gazzettino@gazzettino.ro Internet: www.gazzettino.ro