No. 304  12-25 dicembre 2007

Prima pagina
















Numero visitatori
dal 16 augosto 2001
968423


21 visitatori online

Archivio Gazzettino

Gazzettino No. 333
(16-22 luglio 2008)


Gazzettino No. 331
(9-15 luglio 2008)


Gazzettino No. 330
(2-8 luglio 2008)


Gazzettino No. 329
(25 giugno - 1 luglio 2008)


Archivio generale  


 Indietro   Stampa immagine  


Attraverso gli occhi degli investitori: Troppo denaro

    Nuovi scenari politici si stanno realizzando all’orizzonte romeno. Certo il fervore che anticipa l’arrivo delle elezioni, quelle politiche questa volta, aumenta esponenzialmente per ogni giorno che passa. I nomi sono più o meno gli stessi, chi più, chi meno noto, dove la notorietà si misura con il conto in banca e con gli scandali, non per le azioni politiche promosse. La situazione, invece, è sempre più pesante. Servizi, corruzione, economia sono baratri dove si sono gettati miliardi pubblici che altro non hanno fatto che cambiare di mano, senza modificare la situazione generale. Certo parliamo sempre in modo generale, ma spendere quattro ore per arrivare dall’aeroporto di Otopeni in centro a Bucarest, essendo costretti a percorrere le stesse strade che servivano diciotto anni fa la metà del traffico oggi esistente, è a dir poco rivoltante. Bucarest è solo l’esempio principale di quello che accade nelle altre città della Romania. A Timisoara non esiste una circonvallazione, o meglio c’è n’è una che langue incompleta ed inutilizzabile da oltre cinque anni. Anche in questa città, definita “la città a cinque stelle”, ore perdute e miliardi bruciati in coda, ogni giorno. Se fosse solo il traffico a contorcere le nostre giornate, poco male, ma non osiamo affondare il dardo nel sociale perché ne rimarremmo inorriditi. Tra tutto questo miasma inenarrabile ci sono delle opere meritevoli di nota. Sono, ovviamente il frutto della lungimiranza, pazienza e generosità di pochi, ma esistono. Episodi come le associazioni per i gravi disabili, menzioniamo una per tutte l’associazione “Pentru Voi” la quale in questi giorni ha festeggiato un anniversario importante, oppure le manifestazioni destinate a regalare un’ora di deliziose opere magistralmente eseguite dal Maestro Enrico Cannata nello scenario della splendida chiesa Millennium di Timisoara, generosamente sponsorizzata dalla famiglia Marchegiano, oppure altre piccole manifestazioni di solidarietà e di supporto alle indigenze di tante, sempre più, persone, rappresentano uno spiraglio per una speranza che qualcosa potrebbe cambiare. Di fatto il fervore con il quale le speculazioni si stanno appropriando del normale giro degli affari, lascia un poco perplessi e dubbiosi che gli ospedali si dedichino a curare i malati, che le opere pubbliche vengano eseguite nell’interesse della comunità che le paga e che i politici presentino programmi che abbiano realmente intenzione di portare a compimento. Troppo denaro facile, troppi ricchi ignoranti, troppo valore al denaro e nulla al rispetto del prossimo. Il detto “che muoia la capra del vicino” sempre più attuale.

Memo_Rivolsi@hotmail.com


 Home   In alto   Stampa immagine  


 Pubblicità    Abbonamenti    Chi siamo  

Redazione: Timisoara, Romania
Tel./Fax +40(0)256-493012, +40(0)256-282556
E-mail: gazzettino@gazzettino.ro Internet: www.gazzettino.ro