No. 317  26 marzo - 1 aprile 2008

Prima pagina
















Numero visitatori
dal 16 augosto 2001
968559


37 visitatori online

Archivio Gazzettino

Gazzettino No. 333
(16-22 luglio 2008)


Gazzettino No. 331
(9-15 luglio 2008)


Gazzettino No. 330
(2-8 luglio 2008)


Gazzettino No. 329
(25 giugno - 1 luglio 2008)


Archivio generale  


 Indietro  

Economia

L’accesso ai fondi europei è il problema principale per la Romania
L’ottenimento dei fondi europei rappresenta il maggiore problema della Romania, e del il sistema di accesso al denaro non sarà migliorato, lo stato rimarrà un contribuente netto del bilancio della UE, ha dichiarato il governatore della Banca Nazionale di Romania, Mugur Isarescu. Le difficoltà rilevate nell’accesso ai fondi, sottolineano una serie di altre disfunzionalità, ha affermato il governato...

EIU: La Romania il paese dell’area più vulnerabile alle crisi economiche internazionali
Secondo l’Economist Intelligence Unit (EIU), la Romania è uno dei paesi della regione più vulnerabili alle turbolenze economiche tari alle crisi internazionali, a causa del suo debito estero, del deficit corrente elevato e alimentato dalla crescita e dai consumi interni. Il finanziamento del deficit corrente è realizzato principalmente attraverso gli investimenti stranieri diretti, ma queste entra...


Pacuraru: La Romania ha un deficit di 85.000-100.000 lavoratori
Stando ai dati forniti dagli uffici di collocamento, la Romania ha un deficit di massimo 100.000 lavoratori. Lo ha dichiarato il ministro del Lavoro, Paul Pacuraru, contraddicendo in questo modo le valutazioni espresse dal ministro dell’Economia, Varujan Vosganian, che ha parlato di 500.000 salariati. “Non esiste un metodo preciso per stabilire il deficit di lavoratori. L’indicatore differisce da ...

Tariceanu: L’indipendenza energetica, assicurata dalla costruzione di una nuova centrale nucleare
La riduzione della dipendenza della Romania da una sola fonte energetica potrà essere assicurata non solo mediante la costituzione degli ultimi due reattori della centrale nucleare di Cernavoda, ma anche grazie all’apertura di nuove centrali. Lo ha dichiarato, la scorsa settimana, il premier Tariceanu. Il primo ministro ha spiegato, durante una conferenza stampa sostenuta assieme al presidente Tra...

Imprese e sindacati respingono il progetto del Codice delle Costruzioni elaborato dall’ISC
Imprese, sindacati e associazioni professionali del settore delle costruzioni sostengono che l’Ispettorato di Stato delle Costruzioni (ISC) non li ha consultati in merito al progetto legislativo del Codice della Pianificazione Territoriale, dell’Urbanistica e delle Costruzioni che a loro avviso deve essere rivisto e corretto. “Respingiamo la forma attuale del progetto del Codice della Pianificazio...

Il Governo vuole incoraggiare nelle privatizzazioni le aziende romene
Il Governo ha deciso di cambiare approccio rispetto al processo di privatizzazione delle ditte statali e di incoraggiare le aziende romene a prendervi parte al fianco di quelle straniere. Lo ha dichiarato, a Bacau, il premier Calin Popescu Tariceanu, rispondendo alla stampa sulla privatizzazione della cassa di risparmio CEC. Il primo ministro ha spiegato che la CEC possiede una vasta rete di agenz...

Severin: Per la Romania presto la clausola di salvaguardia per l’agricoltura
L’europarlamentare del PSD Adrian Severin ha dichiarato, la scorsa settimana, in una conferenza stampa, che alla Romania presto sarà applicata la clausola di salvaguardia per l’agricoltura. Severin afferma che nell’Unione Europea esiste insofferenza per la mancanza di informazioni da parte delle autorità di Bucarest sul modo in cui sono accordati gli aiuti nell’agricoltura. Un mese fa, i socialdem...

Buone previsioni per l’agricoltura romena
Secondo quanto sostenuto dal presidente della Racova ComAgro Pan Vaslui, Adrian Porumboiu, citato dall’ICE, per il 2008 è prevista una crescita del mercato agricolo del 60 per cento, a condizione che non si verifichino calamità naturali (inondazioni, siccità o altro) con effetti negativi sui raccolti. uno dei principali produttori agricoli romeni. Porumboiu, il cui gruppo amministra una superficie...

La Romania e gli altri paesi della UE devono pubblicare la lista dei beneficiari dei fondi per l’agricoltura
Entro il 30 aprile 2009, la Romania dovrà pubblicare la lista con i nomi di tutti i beneficiari, dei fondi comunitari erogati per l’agricoltura e lo sviluppo rurale, su un sito appositamente creato. L’obbligo ricade su tutti gli stati membri e mira ad aumentare la trasparenza all’interno della UE. In base alle nuove norme adottate lo scorso mercoledì dalla Commissione Europea, tutti i beneficiari ...

Le banche finanzieranno l’agricoltura, dopo avere saturato gli altri settori
Le banche si rivolgeranno verso il settore agricolo solo dopo che il mercato dei mutui destinati alle persone fisiche e alle società sarà saturo. Lo ha dichiarato il governatore della Banca Nazionale di Romania, Mugur Isarescu. “Dopo aver e saturato il mercato delle multinazionali, si arriverà anche alla saturazione dei crediti al consumo per cittadini. Probabilmente, i prestiti immobiliari attire...


Silaghi: A disposizione delle PMI oltre un miliardo di euro per l’aumento della competitività economica
Le piccole e medie imprese potranno accedere, nei prossimi quattro anni, a fondi per più di un miliardo di euro per aumentare la competitività economica, ha dichiarato il ministro per le Piccole e medie imprese, Ovidiu Silaghi. Il ministro Silaghi ha spiegato che “la rete” per accedere ai fondi sarà indicata nella Guida destinata agli imprenditori, che sarà pronta a fine mese. Secondo le fonti cit...

Isarescu: Possibile nei prossimi sette anni una crescita economica annua del 5-6%
Il governatore della Banca Nazionale di Romania (BNR), Mugur Isarescu, è di parere che nei prossimi sette anni non sarà impossibile registrare una crescita economica media del 5-6% per anno, anche se però esiste la possibilità che si compiano degli errori nella politica economica. “Non individuo per i prossimi sette anni, fino all’adozione dell’euro, ostacoli per una possibile crescita economica d...


Vosganian rassicura Almunia: Il deficit sarà contenuto ma serve un’attitudine realistica”
Il ministro delle Finanze, Varujan Vosganian, ha incontrato a Bruxelles il commissario europeo per gli Affari Monetari, Joaquin Almunia, e lo ha rassicurato sul fatto che il deficit previsto non sarà superato, chiedendo però che si tenga conto che il 2008 è un anno elettorale, e il Governo romeno minoritario è facilmente sottoposto alle pressioni sindacali. Vosganian ha dichiarato che ha chiesto a...

Gli analisti stranieri più pessimisti rispetto all’inflazione in Romania
Gli analisti stranieri ipotizzano dei valori più elevati rispetto all’inflazione in Romania, ma migliorano le stime relative alla crescita economica e il deficit di conto corrente, secondo il più recente rapporto di Consensus Economics. Le stime riguardanti il tasso medio dell’inflazione per quest’anno sono state rivalutate di 0,2 punti percentuali, rispetto al periodo anteriore, portandole al 6,5...

Il progetto Nabucco inizia a somigliare a una moderna Linea Maginot
Il progetto per il gasdotto Nabucco, del valore di 7,4 miliardi di dollari, che dovrebbe servire a ridurre la dipendenza dell’Europa dal metano importato dalla Russia, inizia a somigliare sempre più a una moderna Linea Maginot. È quanto si afferma sul sito del Wall Street Journal. Nel tentativo di consolidare la sua sicurezza energetica, l’interesse dell’Europa è di diversificare i fornitori e le ...

L’accordo Gazprom-Asia Centrale scatenerà aumenti del gas
Secondo il sito AsiaNews, gli esperti del settore energetico prevedono che l’alto prezzo offerto dalla Gazprom per il gas di 3 stati dell’Asia Centrale farà crescere i prezzi mondiali. A soffrirne saranno soprattutto gli stati poveri come il Tagikistan, ma anche Europa e Cina. Gazprom, KazMunaiGas, Uzbekneft e Turkmengaz hanno convenuto la scorsa settimana che dal 2009 il prezzo pagato dal gruppo ...

Sette società europee del trasporto del gas uniranno le proprie reti
Durante un incontro organizzato a Bucarest la scorsa settimana, i rappresentanti di sette società europee del trasporto del gas, tra cui Transgaz Medias, hanno discusso in merito alla possibilità di realizzare un progetto per l’unione delle reti. Alla fine dell’anno scorso, il gruppo ungherese MOL aveva invitato diverse società, di Romania, Austria, Bulgaria, Bosnia, Croazia, Slovenia, Serbia, a p...

 Home   In alto  


 Pubblicità    Abbonamenti    Chi siamo  

Redazione: Timisoara, Romania
Tel./Fax +40(0)256-493012, +40(0)256-282556
E-mail: gazzettino@gazzettino.ro Internet: www.gazzettino.ro